martedì 16 dicembre 2014

Godetevi la vita …. Don’t worry



Il cambiamento è irritante, a tanti non piace, vi oppongono resistenza e, soprattutto vogliono fuggire via. Vi faccio un esempio: la strada che tutte le mattine percorro per recarmi a lavoro, è in fase di restyling, ed io sono costretto a percorrere vie alternative, ma come posso tutti i giorni vado a vedere lo stato degli avanzamenti dei lavori, con la speranza quanto prima di ritornare a percorrere la stessa strada.

Questo minuscolo dettaglio non è nulla paragonabile ai cambiamenti personali e professionali che state sperimentando voi. Tuttavia, non sono proprio le piccole cose a darci fastidio? Lo stato quo è sconvolto. Non  serve certo uno strizzacervelli, per dirci che tutto ciò che desideriamo è un senso di normalità.

Quante volte avete sentito, o voi stessi avete detto: “”non vedo l’ora che tutto ritorni normale””, ma in verità le cose non torneranno normali, ormai il cambiamento è la norma. Per coloro che credono che anche questo passerà spiacenti!! Il mondo non smetterà improvvisamente di cambiare perché possiamo evitare le ambiguità e le incertezze. È meglio che impariamo a vivere la vita e a godercela in questi momenti di cambiamento.

Pensateci si calcola che le quantità d’informazioni disponibili per la vostra professione raddoppino ogni cinque anni, quindi facendo due calcoli, se io non seguissi il cambiamento oggi sarei un analfabeta. Certamente i tempi sono cambiati, le nostre vite possono essere paragonate a un scenario quotidiano in Africa. “”ogni mattina una gazzella si sveglia e sa che oggi dovrà correre più veloce del leone, oppure sarà uccisa. Allo stesso tempo il leone sa di dover correre più veloce della gazzella, oppure resterà priva di un pasto delizioso””. Quindi che tu sia gazzella o leone quando il sole si alza è meglio che inizi a correre.

Vi sembra familiare? Noi corriamo sempre più veloci, solo per tenerci al passo  imposto dalla natura evolutiva della vita. E tuttavia , sembra che non sappiamo crescere abbastanza in fretta, o che non sappiamo adattarci tempestivamente ai cambiamenti.

Durante i vari lavori in corso che hanno alterato la mia vita,  ho imparato un paio di cosine. Prima di tutto non è detto che oggi sia una ripetizione di ieri, senza alcun preavviso saltano fuori nuovi ostacoli, e deviazioni. Secondo, il futuro non è quello che era una vota, anche le condizioni del futuro si muovono rapidamente, e se fate caso, ripensando a quest’ultimo anno, senza dubbio noterete che si sono susseguiti eventi senza alcun preavviso o senza la vostra approvazione.  

Non c’è dubbio, viviamo in un tempo di cambiamento accelerato, inarrestabile, incontrollabile e anche un po inquietante, tuttavia il cambiamento è crescita, sia intellettuale che emotiva. Alla fine penso che, non è più realistico limitarsi a sopportare il cambiamento. La scelta è fra vederci imporre il cambiamento o usarlo per avanzare le nostre pretese sul futuro. Ma per fare questo ci vuole coraggio!!!