domenica 3 marzo 2013

SEMPLICI RIFLESSIONI.



È proprio nel momento in cui ti ritrovi seduto in mezzo al niente a fissare le tue vuote mani che i dubbi ti assalgono, centinaia, migliaia di dubbi tutti assieme….

 Come riprendere il presente, costruire il futuro se ho perso il passato? Mi alzerò e sbaglierò mille volte prima di trovare la mia strada.

Entrerò in mille vicoli ciechi che non portano da nessuna parte prima di trovare un’uscita. Urlerò incazzato tra migliaia di persone, mi renderò conto che sono sagome di cartone e alla fine distrutto, tornerò al punto di partenza.

Passeranno gli anni prima di capire che è inutile chiedersi perché proprio a me? Nessuno sprecherà il suo tempo a risponderti, e passeranno anni prima di capre che la vita può essere peggio di qualsiasi film drammatico perché è reale.

Quando capirai e accetterai che tutto questo è vita, è realtà allora partirò alla grande. Incazzato più che mai in tutta la tua esistenza, meno vittima più carnefice, giusto o sbagliato non lo sai, non t’importa sei stato vittima per troppo tempo e nessuno si chiedeva se fosse giusto o sbagliato, tutti sanno che in principio ogni carnefice è stata vittima, ma il sonno della ragione genera mostri!!!

La Vita è come una corsa in motocicletta: nessuno sa quanta benzina il destino ha messo nel nostro serbatoio. C'è chi nasce con il pieno e chi, senza saperlo viene alla luce già in riserva. Ma che tu abbia il pieno o poche gocce di benzina poco importa...

l'importante è andare al massimo fino all'ultima goccia...