sabato 12 aprile 2014

HOMO ABILIS VERSIONE 2014.0




Voglio cominciare  questo post con delle semplici affermazioni che tutti credo, indistintamente,  le abbiamo rese parte della nostra esistenza.

“non ho abbastanza tempo”
 “Ho troppe cose da fare”
“sono troppo impegnato”
“non c’è la faccio più”

Ormai siamo stati infettati da sovraccarichi di attività, sembriamo tanti droni, sembriamo l’evoluzione digitalizzata dell’homo abilis , la versione 2014.0,  tutto questo a causa di vite troppo piene. Quando questi sovraccarichi coinvolgono le macchine, il problema è subito risolto basta ripulire il disco rigido, e il computer  è pronto ad essere riutilizzato fino al prossimo sovraccarico.
Credo che anche per noi sia giunto il momento di valutare i nostri file, molto spesso incolpiamo gli altri per un nostro eccessivo carico di lavoro, questo solo perché abbiamo riempito la vita di “devo” Invece la vita non dovrebbe essere vissuta così freneticamente. Smettiamo di inventarci scuse quando non riusciamo a rispettare i nostri dogmi. Voglio concludere con un aforisma di Elaine St. James che recita così:

“nessuno può mantenere più di tre priorità. La maggior parte della gente ci arriva con l’intuito, ma continua a prendere troppi impegni e in questo modo si complica la vita. Perciò il mio consiglio è semplice: stabilite quali sono le vostre priorità, e dite di no a tutto il resto.”


A questo punto correte tutti a resettare il vostro disco rigido, memorizzate altrove i vostri progetti meno utili, e lasciate i più importanti sul vostro disco rigido, ma soprattutto cancellate tutto il vostro materiale inutile. Tirerete sicuramente un sospiro di sollievo, almeno fino a quando la spia disco pieno si riaccenderà