domenica 13 aprile 2014

QUANDO GLI EMIGRANTI ERANO ITALIANI

Altri tempi quando gli emigranti erano italini

Oggi si sente troppo spesso parlare di immigrazione, degenerando quasi sempre in discorsi pseudo-razzisti. Chi vi scrive è stato un emigrante, non per scelta ma per necessità, ed oggi, rientrato in Italia, questa volta per scelta e non per necessità, sono felice di aver avuto la possibilità di conoscere e di confrontare usi, costumi, stili di vita diversi  dandomi una grossa opportunità di crescita e di arricchimento culturale  molto importante per me.
quanti di voi hanno o sono figli o nipoti di emigranti? Credo che abbiate sentito le storie dei vostri cari, ricchi di ricordi e di amarezze.

Vi sottopongo una mia considerazione puramente personale sul fenomeno dell’immigrazione,   poi sarete voi a decidere se voler o non voler esprimere le vostre considerazioni. (voglio precisare che mi riferisco agli immigrati con regolare permesso di soggiorno e non hai clandestini per i quali lo stato si dovrebbe adoperare, come altrove, ad accompagnarli personalmente oltre i confini)

Tra la fine dell’ottocento e i principi del novecento molti italiani partirono alla volta delle Americhe, alla ricerca di nuova vita. (dati alla mano tra il 1876 al 1927 partirono circa 13.000.000 di italiani). Partivano per lo più dalle regioni povere del centro e del meridione, e a muoversi erano per primi i maschi, adulti e giovani, si trattò di un vero e proprio salasso demografico, che svuoto quasi completamente interi borghi. Una volta stabilitisi all’estero, cercavano di inserirsi nel mondo del lavoro, inviando parte del guadagno alle famiglie o spesso cercavano il ricongiungimento familiare.

1) piroscafo carico di immigrati italiani- 2) la carretta del mare- 3) immigrati in un centro accoglienza- 4) emigranati italiani raccolti a Elias Island- 5) tragedia del piroscafo Sirio-  6) la tragedia di Lampedusa

1
2
4
3
                              




6
5

Fatta questa premessa  e visto le foto, adesso arrivo al dunque, non vi sembra che è esattamente quanto cercano di fare oggi , quando possono, gli immigrati che vivono in Italia?  Cosa è cambiato da allora!!! Semplicemente nulla, solo il senso di marcia, prima erano i nostri avi a partire oggi la gente arriva in Italia con la speranza di una vita migliore.